Vai al contenuto

D0C E ADOLESCENTI

Tempo di lettura 10 Minuti

0ssessioni e Compulsioni nell’adolescente.

                                                                                                                      

Nello scorso articolo abbiamo parlato del D0C, Disturbo ossessivo-compulsivo, le caratteristiche, i sintomi, gli aspetti sociali e personali. In questo nuovo articolo restringiamo la lente di osservazione al D0C E ADOLESCENTI.

Il DOC negli adolescenti riguarda ben il 2% dei ragazzi che manifestano ossessioni e compulsioni. Le manifestazioni sono simili a quelle degli adulti a differenza dei bambini e pre-adolescenti che spesso non hanno consapevolezza del disturbo, gli adolescenti quasi sempre hanno una buona consapevolezza delle loro ossessioni e compulsioni, sanno che sono assurde, bizzarre, esagerate, ma ciò nonostante ed esattamente come per l’adulto, non riescono a trattenere la compulsione.

Le ossessioni ricordiamo, rappresentano i sintomi caratteristici del DOC, sono contenuti mentali intrusivi, cioè che arrivano nonostante il desiderio del ragazzo di sbarazzarsene in quanto sono pensieri spiacevoli in cui l’ansia è l’emozione preponderante, ma si possono riconoscere anche senso di colpa, vergogna, disgusto. Le ossessioni adolescenziali possono assumere la forma di immagini, impulsi o pensieri che possono riguardare le paure più disparate: la paura di essere gay, di far del male a se stessi e/o agli altri, bisogno di ordine e ripetizioni, paura della contaminazione, ecc.

Le compulsioni come già abbiamo affrontato, sono l’altra espressione dl circolo vizioso del DOC, sono comportamenti, rituali che hanno la funzione di neutralizzare o comunque tenere a bada l’ansia, ma che a lungo termine diventano l’alimento del disturbo stesso. Le principali compulsioni di un adolescente riguardano il controllo, i rituali magici attraverso cui prevenire ipotetiche catastrofi, compulsioni di ordine e simmetria, rituali mentali atti a ridurre l’ansia creata da ossessioni sulla possibilità di essere aggressivi, violenti, omosessuali, ecc.

annie spratt 4BwcmbExs5c unsplash
D0C E ADOLESCENTI 11

TIPI DI D0C E ADOLESCENTI

Possiamo identificare alcuni macro argomenti su cui si possono formare ossessioni e compulsioni, ognuno dei quali può poi diramarsi in vari sottogruppi.

  • DOC da controllo: qui sono presenti fissazioni adolescenziali di contenuti mentali intrusivi che innescano il dubbio e il dubbio scatena l’ansia. Dubbio di aver fatto bene la cartella, di aver chiuso la porta, dubbi a cui fa seguito il bisogno, compulsione, di controllare……. e controllare…….. e controllare. I ragazzi con questo tipologia di DOC passano gran parte della loro giornata nel tentativo di rassicurarsi riguardo il pensiero intrusivo, e lo fanno attivando personalmente la compulsione, oppure delegando la responsabilità e chiedendo per esempio ad un familiare, di attivare il controllo o continue rassicurazioni che il controllo è stato fatto bene. Il DOC da controllo può fagocitare gran parte del tempo della giornata di un adolescente che ne soffre, compromettendo le sue capacità di studio, di socializzazione, di tempo libero. Questo tipo di DOC può essere invalidante anche per tutto il nucleo familiare del ragazzo, che nel tentativo di aiutarlo e rassicurarlo, si sottomette a rigide gestioni dell’intera casa e dell’intera vita di ciascun membro. Ricordo una mamma che ormai senza nemmeno rendersene conto, scartava in cucina decine di note merendine ricoperte di cioccolato croccante, per poter dare poi al figlio quella senza nemmeno una crepa (elemento per il ragazzo ansiogeno). Immaginate tutto ciò che questo solo atto comporta: l’acquisto e il trasporto modello icona delle merendine, scarto nascosto delle merendine stesse, spreco alimentare da schiaffo morale per il terzo mondo, oltre che spreco economico per il budget familiare…….e non per ultimo angoscia di tutti i membri familiari che trattenevano il respiro fino al termine della merenda ormai vissuta alla stregua di un’operazione da disinnesco di un ordigno terroristico.
  • DOC da contaminazione:  l’adolescente con questo tipo di DOC manifesta il terrore di entrare in contatto con sostanze od oggetti contaminanti come per esempio germi o batteri di qualche tipo, urina, feci, saliva di qualche altrui individuo malato di qualcosa e tutto ciò toccando maniglie, sedie, o altre superfici che in qualche modo sono stati a contatto o potrebbero essere stati a contatto con ……altri. Le fissazioni di questa natura compromettono in modo devastante la qualità di vita dell’adolescente e dell’intera famiglia. Tipicamente sono presenti rituali di decontaminazione o di prevenzione della contaminazione, rituali lunghi e frequenti che possono esasperare ogni essere umano che fa part della sfera sociale del ragazzo, quindi famiglia, ma anche insegnanti, compagni, amici, ecc.  Ricordo un ragazzo “posseduto” dal DOC della contaminazione che un giorno pretendeva che tutti i membri della sua famiglia si spogliassero sullo zerbino di casa prima di entrare e attivassero una decontaminazione con amuchina, in quanto i loro vestiti potevano essere entrati a contatto con superfici che potevano essere state toccate da individui infetti di qualcosa e quindi portare dentro casa la malattia. Immaginate la tensione, la rabbia, l’esasperazione dei familiari di fronte a queste richieste a cui però si assogettavano. Devo ammettere che appena si è scatenato il Covid, questo ragazzo mi è subito venuto in mente e l’ho ricontattato trovandolo finalmente felicissimo: non era più lui lo strambo, anzi, poteva dare lezioni di sopravvivenza a tutti oltre che spacciare amuchina.
  • DOC compulsivo – aggressivo: i sintomi del DOC aggressivo consistono in ossessioni che fanno temere al ragazzo di poter fare del male a sé o ai propri cari, mentre le compulsioni di solito sono rituali mentali finalizzati a rassicurarsi rispetto alla minaccia. Il ragazzo con questo tipo di DOC mette anche in atto molti evitamenti come per esempio nascondere i coltelli, o evitare di maneggiare oggetti taglienti e appuntiti. Ricordiamo che l’adolescente con questo DOC non vuole farsi del male e non vuole far del male agli altri, ma teme che, per qualche ragione, lui possa perdere il controllo di se stesso e fare qualcosa di terribile, quindi tra gli evitamenti ci possono essere anche evitare di avvicinarsi a finestre, maneggiare rasoi e altre situazioni considerate pericolose. I rituali possono essere i più disparati e dipendono anche dall’ambiente sociale in cui vive il ragazzo. Ricordo una ragazza che quando aveva l’ossessione di far del male alla mamma, iniziava a lavare con un pennellino piccolissimo la statuetta di Santa Rita.
  • DOC e omosessualità:  il DOC negli adolescenti può presentarsi anche come ossessione pura, cioè una tipologia in cui le compulsioni prendono la forma di rituali mentali sempre finalizzati a rassicurare l’adolescente rispetto al contenuto mentale intrusivo e indesiderato. Nel DOC omosex, l’adolescente è tormentato da pensieri ossessivi, immagini, impulsi che mettono in discussione la propria identità di genere innescando il dubbio di essere gay. Questa tipologia porta all’adolescente un’enorme sofferenza, le compulsioni sono rituali mentali nel vano tentativo di placare l’ansia. Non ha assolutamente nulla a che fare con una vera paura dell’ambiente familiare ed esterno di essere scoperti omosessuali, in quanto spesso i genitori stessi rassicurano l’adolescente “che anche se fosse…..per lor non ci sarebbero problemi” e molto spesso lo stesso tipo di rassicurazioni vengono da amici, scuola e altre figure, ma hanno poca presa, poca importanza, proprio perché è un DOC, non la paura di un adolescente che inizia a scoprire i propri gusti sessuali. Ricordo un ragazzo che per contrastare le ossessioni perdeva ore e ore ad immaginare atti sessuali etero che avrebbero dovuto far sbiadire le immagini omosessuali.
  • DOC da relazione: è caratterizzato da ossessioni e compulsioni (rituali mentali) che mettono in dubbio la sincerità dei propri sentimenti verso la persona amata. L’adolescente è assediato da dubbi di non amare veramente il proprio partner o di non amarlo abbastanza. Questo crea una profonda angoscia e per lenirla vengono messi in atto vari rituali mentali. L’adolescente ha una visione dicotomica dell’amore, o si ama o non si ama, per cui non è contemplata nessuna altra emozione transitoria (si può essere arrabbiati o non sopportare in un certo momento una persona anche se la si ama) la cui presenza ovvia, getta nello sconforto l’adolescente. Ricordo una ragazza che era tormentata dall’idea di non amare abbastanza il proprio ragazzo in quanto sentiva il desiderio di avere momenti per sé, per stare con le proprie amiche, o perché la sera tardi avendo sonno non aveva voglia di stare tanto al cellulare con lui; il dubbio creava una tale angoscia che le faceva vivere male lo stare con lui, ma anche il non stare con lui.
  • DOC superstizioso:  l’adolescente vive le ossessioni come profezie che preannuncino possibili disgrazie ai propri cari e per cui sente l’imperante obbligo di prevenirle attraverso la messa in atto di compulsioni che possono essere rituali mentali, ma anche vere e proprie azioni. Nell’adolescente vige il continuo senso di colpa per irresponsabilità, cioè si sente responsabile per fatti a lui estranei e su cui non ha nessun reale potere, e il loro manifestarsi mantiene il ragazzo in un loop compulsivo che alimenta il doc.  Le compulsioni richiedono ovviamente un dispendio energetico e di tempo notevole, compromettendo così la qualità della vita del ragazzo.
  • DOC ordine e simmetria:  in questo tipo d DOC più che vere e proprie ossessioni o compulsioni, l’adolescente cerca di liberarsi di una spiacevole sensazione, come se qualcosa non fosse completamente a posto e che gli impedisce di svolgere le attività di vita quotidiana. Per diminuire questa sensazione di disagio, definisce dei rigidi criteri con cui disporre le cose o fare determinate azioni, usando ordini di grandezza o di colore o di forma, oppure iniziare azioni da destra a sinistra, dall’alto verso il basso, ecc.
lunedi blu con pioggia di carta e tazza che piange
D0C E ADOLESCENTI 12

CAUSE DEL D0C NEGLI ADOLECENTI

Il DOC non ha mai una singola causa, bensì è il risultato della convergenza di diversi fattori che interagiscono fra loro e determinano ossessioni e compulsioni.

  1. CAUSE GENETICHE: esiste una “vulnerabilità” genetica che è implicata nell’espressione del DOC, come si può notare nello studio sui gemelli dizigoti; avere una certa vulnerabilità non vuol dire poi manifestare la sintomatologia, si ha necessità di altri fattori come l’ambiente, o lo stress, che possono favorire oppure ostacolare il suo manifestarsi.
  2. NEUROTRASMETTITORI: l’anomalia di alcuni neurotrasmettitori, come per esempio la serotonina, può essere coinvolta tra le cause del DOC. Questa ipotesi è sostenuta dal fatto che farmaci serotoninergici riescono a ridurre i sintomi negli adolescenti.
  3. CAUSE NEUROLOGICHE: tecnologie sempre più raffinate hanno fatto notare piccole anomalie in alcune aree dell’encefalo (corteccia cingolata anteriore, corteccia orbito-frontale, talamo) che potrebbero essere coinvolte  nell’espressione del disturbo.
  4. CAUSE COGNITIVE: si può notare negli adolescenti con DOC, eccessiva importanza data ai pensieri, eccessivo senso di responsabilità, sovrastima della minaccia e intolleranza al dubbio.
help 3049553 1280
D0C E ADOLESCENTI 13

LA CURA DEL D0C NELL’ADOLESCENTE

Una volta giunti alla diagnosi di DOC nell’adolescente è di vitale importanza intervenire subito con una terapia adeguata. La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale è considerata la cura più efficace per il DOC perché si avvale di protocolli specifici in grado di risolvere efficacemente ossessioni e compulsioni, spezzando i circoli viziosi che li mantengono in vita.

Nel percorso terapeutico è fondamentale il coinvolgimento della famiglia che deve essere istruita riguardo il giusto atteggiamento da adottare nei confronti delle compulsioni dell’adolescente e delle sue continue richieste di rassicurazione. Spesso il DOC in un adolescente è alimentato in modo inconsapevole e in buona fede, dal modo di porsi dei familiari che può oscillare da un atteggiamento di completa passività ad un atteggiamento di critica severa nei confronti dell’adolescente.

image
D0C E ADOLESCENTI 14

La Terapia Cognitivo-Comportamentale dispone di diverse strategie come per esempio l’Acceptance and Commitment Therapy (ACT) e la Mindfulness che appaiono particolarmente indicate con gli adolescenti. L’ACT favorisce l’accettazione dei contenuti mentali permettendo loro di transitare  ed essere sostituiti con nuovi pensieri ed immagini normalizzano il flusso dei contenuti; inoltre abbassa il gradiente di minaccia e il successivo bisogno di compulsione.

meditation 428382 1280
D0C E ADOLESCENTI 15

La Mindifulness ha lo scopo di aumentare l’attenzione  consapevole nel “qui e ora” sbloccando il pilota automatico con cui spesso gli esseri umani vivono.

Se riuscirai a mantenerti
sempre nel presente,
sarai un uomo felice.
La vita sarà una festa,
un grande banchetto,
perché è sempre e soltanto
il momento che stiamo vivendo.
Paulo Coelho